Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Corso di laurea in Diritto agroalimentare (L-14)

Denominazione: Corso di laurea in Diritto agroalimentare

Coorte: 2021 (Anno Accademico 2021-2022)

Tipo di laurea: triennale

Tipo di accesso: accesso libero con TARM non vincolante | Attenzione! Per l'anno accademico 2021-2022 consultare le indicazioni pubblicate sul portale di Ateneo

Sede didattica: Torino, Campus Luigi Einaudi

Open day: Open day Unito

Presidente: Prof.ssa Maura Mattalia

Vicepresidente: -

Orientamento: Prof.ssa Maura Mattalia - Dott. Matteo Arrotta - Dott.ssa Francesca Branca

Piani di studio, passaggi e trasferimenti: Prof.ssa Maura Mattalia

Rappresentanti degli studenti: Alessia Carrisi - Beatrice Puci

Commissione monitoraggio e riesame

Codice: 0704L31

Classe: L-14

Durata: 3 anni

Lingua: italiano

Modalità di erogazione della didattica: a distanza

Ordinamento: 2021

Posti disponibili: accesso libero con TARM non vincolante | | Attenzione! Per l'anno accademico 2021-2022 consultare le indicazioni pubblicate sul portale di Ateneo

Sede: Cuneo

Regolamento didattico del corso di laurea - anno accademico 2021/2022

Guida dello studente

Scenario didattico dello studente (per navigare il tuo piano di studi)

Sito Miur - Universitaly

Il Corso di Laurea in Diritto agroalimentare ha l'obiettivo di formare una figura professionale giuridica intermedia in rapporto tanto alle esigenze di determinati settori produttivi (in particolare media e piccola impresa), quanto a quelle dell'ambito pubblico (Stato e Ministeri, enti pubblici, agenzie, ASL ecc.).

Al fine di conseguire tali obiettivi il Corso fornisce - affiancando allo studio del diritto positivo (nazionale, sopranazionale europeo e comparato) quello costituito da materie storico-filosofiche legate al diritto (le Storie del Diritto e la Filosofia del Diritto) - una solida preparazione relativa ai principali ambiti giuridici, correlata con l'apporto di alcune essenziali discipline di ambito agroalimentare (quali il diritto agrario, il diritto dell'ambiente, il diritto dei mercati agroalimentari).

Il percorso formativo inizia con un primo anno di formazione di base caratterizzato da una serie di insegnamenti istituzionali, sia più specificamente giuspositivi (Diritto Privato e Costituzionale), sia relativi agli approcci storici e filosofici al diritto, sia attinenti all'Economia Politica. Anche attraverso attività didattiche interattivo-seminariali (approfondimenti in relazione alla Politica agricola Comune), svolte all'interno dei singoli insegnamenti, vengono poi successivamente specificati ed approfonditi i diversi ambiti del diritto (amministrativo, commerciale, penale, comparato, internazionale ed europeo, del lavoro, ecc.), in connessione con lo studio di alcune discipline economico-finanziarie.

Il Corso di studi vede inoltre l'attivazione di insegnamenti unici nell'offerta didattica di Ateneo quale il diritto agrario (IUS/03), il diritto vitivinicolo (IUS/10), il diritto degli alimenti (IUS/05), il diritto civile dell'agricoltura (IUS/01) e il diritto dei mercati agroalimentari (IUS/01+IUS/10).

Attraverso il percorso delineato i laureati sono posti nelle condizioni di acquisire un corretto lessico giuridico (e degli elementi fondamentali delle scienze economiche), un approccio metodologico allo studio del diritto ed un solido bagaglio di nozioni e concetti in campo giuridico, pervenendo così a percepire anche attraverso il confronto tra legislazione, giurisprudenza e dottrina le diverse possibili interpretazioni ed implicazioni delle regole giuridiche e le loro ricadute

socio-economiche. Ciò al fine di formare operatori del diritto in grado o di trattare direttamente le questioni loro sottoposte, o di smistarle a soggetti di altra o di più elevata qualificazione professionale.

Particolare attenzione è posta allo studio del diritto internazionale (IUS/13) e al diritto dell'Unione europea (IUS/14) nonché alla conoscenza di una lingua straniera, appare utile sottolineare che anche gli insegnamenti di base si caratterizzano per un'attenzione particolare dedicata all'interno dell'insegnamento al comparto agroalimentare. Particolare attenzione viene inoltre posta al diritto dell'ambiente che si caratterizza per una forte interrelazione con il comparto agro-alimentare.

Il Corso si differenzia dagli altri della stessa classe sia per l'obiettivo di formare una figura professionale giuridica intermedia dotata, allo stesso tempo, di una solida, articolata e duttile preparazione (con particolare riguardo anche alle capacità di autoriconversione professionale), sia in quanto intende corrispondere alle esigenze occupazionali di una specifica realtà economico-sociale propria della realtà italiana.

L'impegno orario di studio riservato allo studente è circa il 70% dell'impegno orario complessivo (art. 5 comma 3 D.M. 270/04).

Gli orari e il luogo delle lezioni sono disponibili nella sezione Orario lezioni

I ANNO
Codice Attività formativa CFU SSD TAF
GIU0645 Diritto Privato (a distanza) 12 IUS/01 A
GIU0905 Diritto Costituzionale (a distanza) 12 IUS/08 A
GIU0906 Alimentazione e cultura giuridica (a distanza) 9 IUS/20 A
GIU0907 Storia del diritto (a distanza) 9 IUS/19 A
GIU0908 La proprietà fondiaria in diritto romano (a distanza) 9 IUS/18 A
SCP0275 Economia Politica (a distanza) 9 SECS-P/01 B
  Un esame a scelta tra      
GIU0786 Altre attività 3 NN F
GIU0935 Seminario PAC (a distanza) 3 NN F
         
II ANNO
Codice Attività formativa CFU SSD TAF
GIU0909 Diritto dell'U.E. e Politica agricola (a distanza) 9 IUS/14 B
  Diritto Comparato e Culture del Cibo (a distanza) 9 IUS/02 B
GIU0653 Diritto Penale I (a distanza) 9 IUS/17 B
GIU0088 Diritto Costituzionale II (a distanza) 6 IUS/08 C
SCP0281 Diritto Commerciale (a distanza) 9 IUS/04 B
GIU0659 Abilità informatica (a distanza) 3 NN F
  Un esame a scelta tra      
SCP0279 Lingua Francese (a distanza) 3 NN E
GIU0546 Lingua Inglese (a distanza) 3 NN E
  Un esame a scelta da 6 cfu tra   / D
GIU0854 □ diritto dei mercati agroalimentari I (a distanza) 6 IUS/10  
GIU0855 □ diritto dei mercati agroalimentari II  (a distanza) 6 IUS/01  
GIU0594 □ Diritto amministrativo europeo dell'ambiente (a distanza) 6 IUS/10  
SCP0291 □ diritto dei consumatori (a distanza) 6 IUS/01  
GIU0898 □ Diritto costituzionale II: diritto costituzionale dell'ambiente e del paesaggio (a distanza) 6 IUS/08  
         
III ANNO
Codice Attività formativa CFU SSD TAF
GIU0910 Diritto agrario (a distanza) 9 IUS/03 B
GIU0904 Diritto dell’economia degli alimenti (a distanza) 9 IUS/05 B
SCP0379 Diritto Amministrativo (a distanza) 12 IUS/10 B
GIU0655 Diritto Internazionale (a distanza) 9 IUS/13 B
GIU0903 Diritto civile dell’agricoltura (a distanza) 6 IUS/01  C
GIU0911 Diritto vitivinicolo (a distanza) 6 IUS/10 C
/ Scelta dello studente 6 / D
GIU0071 Prova finale 6 PROFIN_S E

*Una lingua a scelta tra: Lingua Francese (SCP0279), Lingua Inglese (GIU0546).

Gli esami a scelta: si consiglia Diritto costituzionale dell’ambiente e del paesaggio on line unitamente ad un insegnamento on line da 6 cfu. Diritto dei consumatori on line 6 cfu; Diritto amministrativo europeo dell'ambiente on line 6 cfu; Diritto dei mercati agroalimentari I 6 cfu; Diritto dei mercati agroalimentari II 6 cfu.

Archivio piani di studio

Regole dei piani di studio

Non sono previste propedeuticità

L'accesso al Corso è subordinato al possesso di un diploma di scuola media superiore o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo (DM 270/04 art. 6 comma 1). Lo studente deve possedere gli elementi fondamentali del linguaggio e della cultura europea nel suo sviluppo storico ed ideale, padronanza della lingua italiana, buone capacità espressive, di ragionamento ed argomentazione. La specificazione delle modalità di verifica di tali requisiti è rimandata al Regolamento Didattico del Corso di Laurea con indicazione degli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva.

Lo studente dovrà predisporre e discutere un sintetico elaborato in una delle discipline studiate nel triennio oppure sostenere un esame finale, con programma apposito concordato con i docenti, al fine di assicurare una perequazione nella quantità e qualità del carico didattico con l'altra modalità di prova finale - , relativo ad almeno due insegnamenti del Corso, non seguiti però nello stesso anno accademico. In relazione ad ambedue le modalità di tale prova finale saranno valutate l'appropriatezza lessicale, la correttezza di riferimenti del materiale consultato, la coerenza logica ed argomentativa, la capacità di inquadrare sinteticamente, con chiarezza e puntualità nella trattazione, le tematiche

Giurista per limpresa agroalimentare. - Giurista per lamministrazione preposta allattività di controllo del comparto agroalimentare

Funzione in un contesto di lavoro:

Formazione di operatori del diritto in grado o di trattare direttamente le questioni loro sottoposte, o di smistarle a soggetti di altra o di più elevata qualificazione professionale; formazione di una figura professionale giuridica intermedia, dotata, allo stesso tempo, di una solida, articolata e duttile preparazione che  consenta  di colloquiare con gli uffici amministrativi del settore agricolo, sia nazionale sia europei, inviando richieste di chiarimenti su norme e prassi delle rispettive amministrazioni, e svolgendo una proficua intermediazione tra gli uffici stessi e le associazioni di categoria nel settore agricolo. Il laureato dovrà sapersi relazionare con avvocati e notai, commercialisti, geometri e architetti, cui debbono essere indirizzati gli operatori per la gestione dei contratti agrari e degli altri problemi connessi alle attività imprenditoriali nei settori agricolo e alimentare, soddisfacendo così le esigenze occupazionali di una specifica realtà economico-sociale caratterizzata per la presenza di innumerevoli piccole e medie imprese. Non si ha, però, la pretesa di formare una figura di vero e proprio coordinamento interprofessionale, ruolo  che potrà essere acquisito con master di primo livello nei vari settori di maggiore interesse agroalimentare.

Competenze associate alla funzione:

Il laureato acquisisce nel corso di studi conoscenze, abilità e competenze, anche trasversali, che gli consentono di svolgere una utile consulenza di base e di accompagnamento degli operatori agricoli verso gli uffici pubblici e di mediazione professionale con le associazioni di categoria. La competenza acquisita dovrebbe consentire al laureato di saper conoscere e affrontare i problemi di semplice e media soluzione che l’operatore si trova ad incontrare  nel suo rapporto con le aziende di piccola o media dimensione del comparto agroalimentare, ogni qualvolta sia chiamato ad un confronto con l’evoluzione delle norme e della prassi amministrativa degli uffici. La professione può assolvere sia al lavoro presso aziende di piccola o media dimensione del comparto agroalimentare, sia al lavoro nel settore terziario correlato (amministrazioni statali, degli enti locali e sanitarie).

Sbocchi occupazionali

Funzioni impiegatizie presso in particolare piccole e medie imprese del comparto agroalimentre e amministrazioni pubbliche.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT):

Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali - (3.3.1.1.1)

Tecnici del lavoro bancario - (3.3.2.2.0)

Tecnici dei servizi giudiziari - (3.4.6.1.0

I dati saranno disponibili alla fine del I anno accademico

Ultimo aggiornamento: 18/11/2021 12:02
Location: https://www.giurisprudenzaonline.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!